Engineered by: VLab Communications

  • White Facebook Icon
  • White Twitter Icon
  • White Instagram Icon
  • White Google+ Icon
  • White YouTube Icon
I.I.S.S. "S. Mottura" - Caltanissetta

© 2017 Telemottura Web-Television. All Rights Reserved

Papilloma quale possibile causa di tumori. Campagna di sensibilizzazione del Rotary Club

16/01/2016

 

Il Rotary nazionale ha promosso un’ attività di servizio sulla prevenzione dei tumori dell’apparato genitale che ha chiamato “PROGETTO HPV-SAFE”, progetto che è stato approvato dal Ministro della Salute On. Beatrice Lorenzin (STOP HPV) e che si concretizza in formazione territoriale nelle scuole affinchè alunni e docenti, correttamente informati, possano diventare la carta vincente di questa nuova scommessa sociale della medicina.

“Bisogna infatti sapere che il carcinoma del collo dell’utero è il primo cancro ad essere riconosciuto dall’organizzazione mondiale della sanità come totalmente riconducibile ad una infezione, l’infezione genitale del papilloma virus (HPV)”.

 

Il dott. Giuseppe Giannone, Past President del rotary club di Caltanissetta, ha iniziato il ciclo di conferenze informative presso l ‘ Istituto Tecnico Industriale I.I.S.S. “S. Mottura” Liceo Scientifico di Caltanissetta grazie alla disponibilità e sensibilità della preside prof.ssa Laura Zurli e alla collaborazione di tutto il corpo docente. Le lezioni hanno interessato tutte le classi e hanno registrato una partecipazione sentita ed interessata.

Durante le conferenze, infatti, oltre a sensibilizzare alla vaccinazione, si è dato ampio spazio alle possibilità che le altre armi della prevenzione secondaria come il pap test,la colposcopia e la ricerca del virus HPV sono determinanti per combatte i tumori causati dall’infezione.

 

“Essendo stato possibile realizzare un vaccino totalmente innocuo nel 2007 – spiega Giannone – l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha raccomandato la vaccinazione di massa delle pre-adolescenti e le prime nazioni al mondo che hanno iniziato la vaccinazione anti-HPV sono state Usa, Austria, Francia e Germania”.

In Italia l’avvio della vaccinazione è avvenuto nel 2008 con differenze da regione a regione.

In Sicilia la campagna di vaccinazione, per alcune fasce di età, è avvenuta in maniera gratuita, ma nonostante le lettere di invito alle famiglie, gli sforzi della classe medica (medico di famiglia, pediatra, ginecologo) e le campagne d’informazione, la risposta è stata scarsa, solo il 23% ha aderito.

 

Bisogna inoltre sapere che il carcinoma del collo dell’utero, dopo il tumore della mammella, è nel mondo il più frequente tumore nella donna.

In Sicilia l’incidenza di questo tumore è esattamente il doppio rispetto alla media nazionale con circa 600 nuovi casi per anno.

Nella nostra Regione è pertanto altamente giustificato promuovere programmi di prevenzione per il carcinoma della cervice uterina.

Le ultime scoperte hanno messo in evidenza che il virus HPV può inoltre causare cancro al pene ed ad altri organi come l’orofaringe e l’ano, pertanto è diventato assolutamente necessario vaccinare i due sessi.

Please reload

Altre News
Please reload

Telemottura